Azienda casearia con 50 anni di storia

Mission della cooperativa

L’attività produttiva di Gardalatte è iniziata nel 1968 con lo scopo, perseguito tutt’ora, di offrire agli allevatori di Brescia e zone limitrofe una valida alternativa per la vendita del proprio latte. Da quasi 50 anni la cooperativa con sede a Lonato del Garda (BS) opera nel settore lattiero-caseario, occupandosi della raccolta, lavorazione e trasformazione del latte in formaggio. Nel 2015 Gardalatte ha incorporato il Caseificio Sociale di Montirone mantenendo attivi gli impianti dello stabilimento. L’operazione, fatta con grande lungimiranza, ha permesso alla cooperativa di posizionarsi  fra le prime realtà nella provincia di Brescia e nell’intera regione Lombardia.

Gardalatte in numeri

54 soci conferenti
per la maggior parte agricoltori e allevatori che vendono il proprio latte alla cooperativa
50 dipendenti
che lavorano nel caseificio di Lonato del Garda per la trasformazione del latte in formaggio
+15% sul prezzo del latte
liquidato ai soci, rispetto a quanto pagato dall’industria casearia

Dalla stalla al prodotto finito

Per assicurare ai propri clienti prodotti di qualità, Gardalatte segue con attenzione tutte le fasi del processo, con supervisioni negli allevamenti bovini e verifiche costanti nel proprio stabilimento di produzione.

La filiera controllata permette alla cooperativa di remunerare al meglio il latte conferito dagli allevatori. Negli ultimi 10 anni, infatti, la società ha liquidato il latte ai propri soci con un prezzo medio superiore di oltre 5 centesimi/litro rispetto a quanto pagato dall’industria casearia.

La quantità di latte raccolto è passata così dai 50 mila quintali dei primi anni agli 890.000 quintali del 2016, con un fatturato complessivo di quasi 50 milioni di euro proveniente per il 70% dalla vendita di Grana Padano, per il 10% dal Provolone Valpadana e per la quota restante dal burro, dal siero e dai suini allevati nello stabilimento.

Struttura produttiva

Per affrontare al meglio i cambiamenti e le richieste del mercato, Gardalatte ha continuato ad ampliare e modernizzare la propria struttura, costruendo nuovi magazzini per la stagionatura e incorporando, nel 2015, il Caseificio Sociale di Montirone.

Parte del fatturato viene oggi investito dalla cooperativa nel continuo miglioramento dei processi produttivi e della qualità dei prodotti ottenuti, con un occhio sempre puntato sulla sostenibilità. L’allevamento di maiali annesso al caseificio consente infatti di smaltire parte degli scarti della lavorazione del formaggio, utilizzandoli per l’alimentazione del bestiame. In azienda è presente anche un impianto a biogas alimentato con i liquami dei suini. Il biogas così generato viene utilizzato da un bruciatore polivalente al posto del metano per la produzione di vapore impiegato durante le fasi di lavorazione, con una forte riduzione delle emissioni inquinanti.

A ulteriore testimonianza dell’attenzione riposta durante tutte le fasi della filiera, Gardalatte ha ottenuto nel 2003 la certificazione CSQA per il sistema di gestione della qualità ed è in attesa di ricevere il certificato Brc Ifs, per offrire prodotti certificati e sicuri ai clienti che riforniscono le grandi catene internazionali di distribuzione.

Produzione formaggi e non solo

oltre 900.000 quintali di latte
oltre 900.000 quintali di latte
raccolti nel 2017 dagli allevamenti della zona del bresciano
130.000 forme di Grana Padano DOP
130.000 forme di Grana Padano DOP
prodotte ogni anno nello stabilimento di Lonato
10.000 quintali di Provolone e Provolone Valpadana DOP
10.000 quintali di Provolone e Provolone Valpadana DOP
dolce e piccante, ottenuti dalla lavorazione del latte
6.300 suini da ingrasso
6.300 suini da ingrasso
alimentati anche con i sottoprodotti della lavorazione formaggio
oltre 50 milioni di fatturato
oltre 50 milioni di fatturato
derivante dalla raccolta del latte e dalla sua trasformazione in formaggio
350 ton di CO2 in meno, ogni anno
350 ton di CO2 in meno, ogni anno
grazie all’utilizzo del biogas prodotto con i liquami dei suini